----------------------------------------------
------------------------------------------------------------
---------------------------------------------------------------------
-------------------------------------------------------------------------------

21.1.10

Tempo di frittelle: panzerotti alle castagne

.
Questi dolcini li ho preparati un po' di tempo fa' per la prima volta, usando dei ritagli di pasta che mi erano avanzati da questa ricetta. Poi li ho rifatti, con qualche sostituzione per renderli un po' più dolci. Rispetto ad altri fritti non sono molto grassi, poichè nè la pasta, nè il ripieno contengono un grammo di burro o olio. Ovviamente c'è tutto l'olio per la frittura! Ma io credo che una buona frittura ce la si possa concedere anche una volta a settimana, senza gravi danni. A patto, però, che sia fatta bene! Io seguo poche, ma efficaci regole. Uso olio d'oliva in frittura profonda e non immergo mai il cibo prima che sia stata raggiunta la temperatura. Molti dicono che friggere in abbondante olio sia un grande spreco. Io non sono d'accordo. Se una cosa la si deve fare, che sia fatta bene! Friggere in poco olio non solo pregiudica il risultato finale (cose mezze bruciacchiate ecc..), ma fa anche male alla salute. Perchè poco olio si surriscalda molto più rapidamente nella pentola, raggiungendo il punto di fumo e diventando nocivo. Un suggerimento banale che posso dare è quello di scegliere la pentola delle giuste dimensioni, prima di mettere l'olio. Ad esempio questi panzerottini erano molto piccoli, di circa 3 cm di lunghezza. Perciò ho scelto un pentolino con un diametro di circa 15 cm che ne potesse contenere 4-5 e l'ho riempito con 3 bicchieri d'olio circa.
Detto questo vi passo la ricetta! Facile, veloce e versatile!


Se avete voglia di un dolcino buono, ma non troppo peccaminoso o se avete delle intolleranze alimentari, questi panzerotti potrebbero essere una soluzione. Basta variare il ripieno (crema pasticcera, crema alla nocciola o altre confetture) o cambiare la forma, e avrete già qualcosa di diverso. Appena cotti sono un po' croccanti, mentre da tiepidi si ammorbidiscono. Io consiglio di mangiarli appena caldi, intingendoli in una tazzona di panna semimontata!

PANZEROTTINI ALLE CASTAGNE

Ingredienti per circa 40 panzerottini:

Per la pasta:

150 g di farina 00

100 g di farina di castagne

1 cucchiaio di zucchero

marsala q.b. (sostituibile con acqua o latte)


Per il ripieno:

marmellata di castagne (io ho usato quella che prepara mia madre con castagne e rhum, voi scegliete quella di vostra preferenza. Ci vedrei bene anche una confettura di lamponi)

zucchero semolato per finire

Preparate la pasta come segue: mischiate le due farine e lo zucchero, poi iniziate a impastare aggiungendo gradatamente il marsala fino a quando l'impasto raggiunge la consistenza della pasta fresca. Avvolgete con un panno e lasciate riposare 10 minuti. Procedete a stendere la pasta. Io ho usato la macchinetta per le sfoglie al livello 4. Comunque deve essere spessa un paio di millimetri. Ricavate dei dischi, ponete un cucchiaino scarso di confettura al centro, inumidite il bordo con dell'acqua e ripiegateli su loro stessi a formare dei semicerchi. Pressate tutto intorno al ripieno e, quando siete sicuri che non c'è più aria, chiudete le estremità aiutandovi con i rebbi di una forchetta. Ponete l'olio in un pentolino e portatelo a temperatura. Il metodo più semplice per vedere se è pronto, è quello di immergere uno stuzzicadente o il manico di un mestolo. Quando si creano tutt'intorno delle bollicine, l'olio è pronto. Tuffate i panzerotti nell'olio e cuoceteli circa 1 minuto per lato. Scolateli su carta assorbente e passateli nello zucchero semolato. Serviteli caldi, o tiepidi.

Sapete dove buttare l'olio della frittura?

Se avete risposto nel lavandino, mi spiace! Risposta sbagliata! Un litro d'olio buttato nel lavandino inquina circa un milione di litri d'acqua. Un dato incredibile, vero? L'olio puo' essere riutilizzato come carburante, ma SOLO se sottoposto a trattamenti specifici. Per legge i ristoranti sono obbligati a buttare l'olio usato in appositi contenitori. Allo stesso modo anche le officine meccaniche devono smaltire l'olio delle macchine in speciali silos. Se nel posto in cui vivete non c'è un sito specifico dove smaltire questo rifiuto e il comune non informa su come disfarsene, le soluzioni sono tre:

1) siate voi a sensibilizzare il comune (impresa ardua assai!!)

2)aspettate che il vostro olio si raffreddi, mettetelo in una bottiglia e portatelo a qualche ristoratore o meccanico

3) non desistete se vi rideranno in faccia o vi prenderanno per matti (cosa che è successa a me!), perchè forse dovrebbero imparare da voi!!
.

12 commenti:

  1. Complimentiii...
    Sono buonissimi... anzi.. devono esserlo...
    Se mi inviti a mangiarli in caso ottengo la conferma ;-)
    Matteo

    RispondiElimina
  2. Ecco, a me mi prendono già abbastanza per pazza... i ristoratori mi conoscono tutti perché essendo celiaca lo faccio sempre presente con mille raccomandazioni... concluderò il cerchio portando l'olio usato...
    P.s. per adesso è il momento della farina di castagne a casa mia... ma quanto mi piace!

    RispondiElimina
  3. Mi piace moltissimo questo tuo spazio: ricette, foto, scrittura... tutto molto personale, creativo, curato. Brava! Ti sostengo con convinzione.
    A presto!
    Sabrine

    RispondiElimina
  4. >Sara: grazie! a me sono piaciuti tanto!

    >Cuocopersonale: chissà che un giorno non ci si incontri!

    >Fantasie: allora siamo in due! meglio pazze che stupide! la farina di castagne mi piace molto. Ne ho ancora un po' da parte e sto pensando a cosa farne. qualche suggerimento?

    >Sabrine: grazie Sabrine! Ti aspetto ancora!

    RispondiElimina
  5. ciao, buonissimi, la parte in alto non riesco a vederla bene, sono tipo due pagine bianche, non so se è un problema mio... volevo solo dirtelo! Ciao ciao

    RispondiElimina
  6. >Iana: grazie per avermelo fatto presente. Ho visto con un altro computer e si vede bene. non so, forse è il tuo. se hai ancora problemi fammelo sapere!

    RispondiElimina
  7. Io una buona frittura la mangerei anche tutti i giorni!!!
    Il fritto dolce poi mi fa impazzire.
    Purtroppo friggo poco, casa piccola con angolo cottura, l'odore mi rimane appiccicato per giorni.
    Sempre molto bello il tuo blog

    RispondiElimina
  8. >Lydia: allora andiamo d'accordo! anch'io qui a roma non posso friggere molto per lo stesso problema! e quando lo faccio mi munisco di cuffietta per capelli..che non mi si puo' vedere!

    RispondiElimina
  9. ciaooooo...ma sei bravissima!...io sono una giovane cuoca!!...ehehe....ho aperto un mio blog di ricette....www.spadelliamo.blogspot.com...se vuoi venire per commentare...dandomi un'opinione...consiglio...e se ci scappa un complimento ne sarei felice!!io me sono itromessa nelle teu sostnitrici!!...ehehe...un bacio!! :O) fabiana!

    RispondiElimina
  10. ciao dodò,
    finalmente trovo il tempo da ddicare anche a te, mi piace il tuo spazio, mi piacciono le ricette, devo farti i complimenti.
    a prestissimo e grazie per le tue visite!
    ciao

    babs

    RispondiElimina
  11. >Fabiana: grazie! passerò a fare un giro!

    >Babs: grazie a te per essere passata!

    RispondiElimina