----------------------------------------------
------------------------------------------------------------
---------------------------------------------------------------------
-------------------------------------------------------------------------------

6.4.10

Una colomba per un abbraccio simbolico alle genti d'Abruzzo

.
Dopo qualche settimana di passaparola, di iniziative di solidarietà che hanno trapassato i confini nazionali, di piccole e grandi mobilitazioni, le colombe si ritrovano oggi a volare insieme. Uno stop simbolico, in coincidenza con l'anniversario del terremoto. Non riesco a trovare delle parole che possano dare a chi è stato colpito dall'evento un degno conforto. E forse, in certi casi, non è neppure utile. Ciò che riesco a esprimere, invece, è un grande senso di gioia e orgoglio nell'osservare come, a partire da un'idea di alcune donne in gamba, si sia sviluppato un circolo virtuoso che, nato nel web, ha superato ben presto lo spazio virtuale. Dalla generosità e dall'intelligenza di tante persone è nato un contributo importantissimo per questa azienda. Sorelle Nurzia, ben ovvio, non è la sola ad aver bisogno di aiuto. Ma in questa occasione essa è diventata l'emblema di una regione che risorge a nuova vita.
Qualcuno mi ha obbiettato che non basta comprare una colomba per cambiare le cose. Non sono d'accordo. Non si tratta di un gesto fine a se stesso, di un aiuto sterile e passivo. Aver acquistato una colomba ha permesso all'azienda di riaccendere i macchinari, richiamere personale, rimettersi in movimento. E se Sorelle Nurzia ha avuto questa sovraesposizione mediatica e, evidentemente, ha beneficiato dei numerosi ordini, questo dimostra soltanto due cose. La prima che qualcosa si può fare, anche con un piccolo contributo da parte di ognuno. La seconda che bisogna mobilitarsi. E qui credo basti un pizzico di buon senso. Tante ancora sono le aziende in crisi. Bisogna informarsi e cercare di acquistare i loro prodotti, alimentari e non. Al di là del buon cuore, tutti i consumatori possono fare delle scelte migliori in questo senso. E, a volerlo o no, siamo tutti consumatori!

Ho pensato a lungo a quale prodotto usare e in quale forma. Ho studiato strani abbinamenti, scomposto e ricomposto torrone, colomba, ferratelle. Alla fine ho scelto un piatto talmente semplice che neppure si può dire ricetta.
Ho scelto la colomba, simbolo di questa iniziativa.
Ho pensato al risveglio, al calore di una casa che accoglie alle prime luci del mattino, ad una colazione rasserenante che ricorda la zuppa di pane raffermo e latte.
Ho pensato al bianco candido e puro, ai fiori che sbocciano, alle voci dei bambini, alle mani dei vecchi, al senso di famiglia. Con la speranza che tutte le famiglie abruzzesi colpite dal sisma possano ritrovarsi sotto un tetto a godere dell'intimità di una casa e della semplicità dello stare insieme.


ZUPPA DI LATTE con la colomba

Ingredienti per 4 persone:

500 ml di latte fresco

1 baccello di vaniglia

2 capsule di cardamomo

4 fette di colomba

1 banana

Aprite la vaniglia ed estraetene i semi. Aprite anche le capsule del cardamomo per fare uscire i semini. Ponete tutto nel latte (compresi baccello e capsule) e portate dolcemente a bollore. Intanto tagliate la colomba a pezzetti e la banana a rondelle. Disponeteli in larghe ciotole. Aspettate che il latte si intiepidisca, filtratelo e versatelo nelle tazze.
.

8 commenti:

  1. Bellissimo questo post...ricco di signififato nella sua semplicita'.
    Brava Dodo'!

    RispondiElimina
  2. Ai miei figli piace tantissimo inzuppare la colomba nel latte, ma alla banana non avevo mai pensato e siccome ne vanno pazzi per questo frutto, questa mattina proporrò la variante!
    Bellissima la tua tazza... io non riesco a trovarle queste con i due manici... sigh, sigh!!

    RispondiElimina
  3. buonissima la colomba inzuppata nel latte e bellissimo il post! un bacione.

    RispondiElimina
  4. Sai che di tante ricette elaborate che ho visto realizzare con la colomba per questa iniziativa, questa è in assoluto la versione in cui la apprezzerei maggiormente?

    RispondiElimina
  5. Sto svolazzando dappertutto ed ovunque trovo ricette deliziose: dalle più semplici a quelle elaborate, un vero tripudio!
    Che bello aver volato con voi... :)

    RispondiElimina
  6. >Fantasie: pensa che quelle tazze le ho prese a casa di mia nonna. Fin da bambina amavo bere il tè in quella porcellana rosa così candida e delicata. Di sicuro hanno vent'anni!! Il passare del tempo me ne ha fatto innamorare ancora di più!

    >Arabafelice, Micaela: grazie ragazze!

    >Onde99: mi fa molto piacere! In fondo l'ho scelta anche perchè non mi piace pasticciare con prodotti già così elaborati come la colomba.

    >Sarah: sono pienamente d'accordo! E' un'esperienza intensa e pregnante.

    RispondiElimina
  7. Una zuppa di latte originale e sicuramente buonissima!!!
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  8. Ciao!

    E' partito il Contest di Aprile de LA CUCINA ITALIANA: LA FOCACCIA!
    Partecipa anche tu ed invita i tuoi amici di blog.

    Per info:

    http://www.lacucinaitaliana.it/default.aspx?idPage=862&ID=337208&csuserid=2112&ar=

    Scade il 10/05/10

    Buon Lavoro!

    La Redazione Online

    RispondiElimina