----------------------------------------------
------------------------------------------------------------
---------------------------------------------------------------------
-------------------------------------------------------------------------------

3.4.11

Fuori tempo. Pepparkakor.

.
Poco fa mi sono alzata e ho deciso di immortalare i miei pepparkakor. Uno scatto e via. Oggi voglio dedicarmi alle mie piantine aromatiche e ai miei pannelli di legno, da scartavetrare e dipingere. E forse prepararerò del buon gelato al miele che ho visto proprio ieri sul libro di Tessa Kiros. Secondo me ci sta a meraviglia con questi biscotti! La ricetta viene dritta dritta da Delicious days, da annotare perchè perfetta nelle proporzioni, e bilanciata nel gusto (oltre che divertentissima da fare: giuro che l'impasto è identico a quello della plastilina). Se vi piacciono le spezie, raddoppiate pure le quantità indicate. La prossima volta lo farò anch'io. Ora scappo, che il rastrello mi aspetta!
Buona domenica a tutti!

Ps mi viene da sorridere, perchè immagino le vostre espressioni dopo aver letto pepparkakor. Siamo mica a Natale?



PEPPARKAKOR

Ingredienti per circa 60-70 biscotti:

150 g di melassa

110 g di burro

100 g di zucchero di canna (demerara)

375 g di farina 00

1/2 cucchiaino di cannella

1/2 cucchiaino di zenzero in polvere

1/4 cucchiaino di baking powder

1/4 cucchiaino di noce moscata

1/4 cucchiaino di sale

1 uovo grande

In un pentolino mettete la melassa, lo zucchero e il burro. Ponete sul fuoco e fate bollire dolcemente fin quando lo zucchero si è completamente disciolto. Lasciate intiepidire. Setacciate la farina e il lievito in una ciotola, unite le spezie, l'uovo e il mix di melassa-zucchero-burro. Impastate rapidamente, per evitare che si appiccichi alle mani. Coprite con la pellicola e lasciate in frigo un paio d'ore. Riprendete l'impasto e stendetelo ad uno spessore di un paio di millimetri. Tagliate la pasta con un tagliabiscotti della forma che più vi piace. Ponete i pepparkakor su una teglia coperta da carta forno e cuoceteli a 180° per 8-10 minuti. Fate attenzione, perchè bruciano velocemente. Non appena i bordi si colorano, i biscotti sono pronti. Da freddi, riponete in una scatola di latta.
Si mantengono bene anche per un paio di mesi. Anzi, secondo me, migliorano!
.

6 commenti:

  1. ahahahh mi hai fatto sorridere perché a tua volta hai detto "mi viene da ridere.." ecc. :D questi biscotti li adoro di già, che siano stelle, sfere, fiori, cuori (ora mi viene in mente la canzone.. dammi tre parole.. ok ok basta va')..
    Io li adoro questi biscotti. E hai perfettamente ragione, più si lasciano "maturare" nella scatola (di latta) più saranno buoni!

    RispondiElimina
  2. No, no, io non mi stupisco affatto, i pepparkakor li compro per tutto l'anno, soprattutto perché all'interno dell'Ikea, oggettivamente, sembra sempre inverno, quindi i prodotti della BV invitano anche se fuori ci sono 35°! E se riuscirò a trovare il tempo di farli da sola non mi porrò alcun problema nemmeno a dar loro forme tipicamente natalizie, non son certo tipo da dessert a base di yoghurt, fragole e gelato, io!!!

    RispondiElimina
  3. Pepparkador a vita!!! Io lo adoro!!!! Di solito li compro anch'io come Onde99 all'Ikea ma ora proverò a farli seguendo la tua ricetta!
    è la prima volta che visito il tuo blog e devo dirti che lo trovo delizioso!
    Se ti va vienimi a trovare! Ti aspetto su http://cuisineoblige.blogspot.com
    Un bacione

    RispondiElimina
  4. No, anzi... mi hai messo una gran voglia di farli! Li adoro troppo e ti dirò che l'altro giorno pensavo anche ai zimtsterne!!! Un abbraccio e buona settimana

    RispondiElimina
  5. Vabbè ragazze, con voi ho fatto centro!!
    Vedrete che meraviglia con il gelato al miele della Kiros!!

    RispondiElimina
  6. Carissimo/a
    Sto per aggiornare l’elenco dei food blog italiani
    Mi piacerebbe sapere:
    In che anno hai aperto il blog
    Possibilmente la tua città e provincia.

    Grazie
    Puoi comunicarmelo al seguente link (se vuoi)

    http://griglia-e-pestello.blogspot.com/p/food-blog-italiani.html


    sergio.

    RispondiElimina